L’olio usato che deriva dalle normali attività domestiche, è un rifiuto che va trattato in maniera adeguata. Dopo aver capito esattamente a quale prodotto si stai facendo riferimento, scopriamo perché è inquinante e come va gestito per evitare ogni tipo di danno.

Olio usato: di che cosa si tratta

Si parla di olio usato per indicare vari prodotti che arrivano dalla cucina. In pratica, si fa riferimento a quell’olio che è stato usato per cucinare, grandi o piccole quantità. Non è finita qui perché oltre all’olio per friggere, si parla di olio usato anche per indicare quello che si trova normalmente per conservare gli alimenti, ogni volta che si apre un barattolo di sott’oli, tonno in scatola o simili, l’olio contenuto è sempre usato e va quindi trattato in maniera adeguata se non si vogliono avere problemi.

Dove si butta l’olio usato

È un grave errore pensare che l’olio possa essere gettato nel lavello. Purtroppo, ancora oggi diverse persone hanno la cattiva abitudine di gettare l’olio usato per cucinare nello scarico della cucina senza pensare che stanno facendo un danno enorme sotto diversi punti di vista.

Ad esempio, l’olio una volta nelle tubature, si solidifica. Impregna le pareti restringendo il flusso. Con il tempo, man mano che si butta nello scarico residui come olio e altri, si crea un blocco che impedisce il passaggio dell’acqua. Lo scarico si intasa e va quindi richiesto uno spurgo a Roma. È un grave errore scambiare lo scarico del lavandino per un cestino dei rifiuti!

Inoltre, l’olio è un prodotto molto inquinante che provoca diversi danni ambientali. In primis, all’acqua di fiumi, laghi e mare ma anche al terreno che si impermeabilizza. Insomma, quando tra le mani sia ha dell’olio usato, va messo in un contenitore a parte. Una volta pieno, si porta il contenitore presso la discarica comunale, secondo le disposizioni dell’ente territoriale che gestisce la raccolta dei rifiuti urbani. In alcuni comuni, viene consegnato un contenitore apposito dove raccogliere l’olio e addirittura raccolto a domicilio.

Di Grey