Questi sono i principali fattori di rischio cardiovascolare che vale la pena conoscere meglio. In presenza di uno o più fatture di rischio, significa che è più probabile andare incontro a un infarto del miocardio o altre patologie che colpiscono il cuore e il sistema circolatorio.

Colesterolo alto

Prende il nome di ipercolesterolemia un eccesso di colesterolo, un denso grasso di origine animale che ha l’antipatica abitudine di depositarsi all’interno delle arterie fino addirittura a ostruirle. Quando il colesterolo è troppo alto, è possibile che il flusso di sangue diretto al cuore si interrompa provocando aree necrotizzate. Maggiori sono queste aree di tessuto cardiaco morto, maggiore è il rischio che il cuore si ferme cioè d’infarto.

Età

Purtroppo, l’età è uno dei fattori chiave quando si parla di patologia cardiovascolari. Chi ha già in corso patologie che colpiscono il cuore e le arterie o ha subito un intervento cardiaco, può completare la degenza anche a domicilio grazie al servizio di assistenza medica a casa. Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su www.domussalus.it

Genere

Secondo i dati, sono gli uomini quelli maggiormente soggetti a patologie come ipertensione arteriosa, infarto e simili. Tuttavia, le donne non sono fuori pericolo soprattutto dopo la menopausa quando viene meno il fattore protettivo degli estrogeni.

Familiarità

Chi in famiglia ha già avuto dei casi di patologie cardiovascolari, è maggiormente esposto al rischio di svilupparle a sua volta.

Diabete

Le persone con il diabete devono fare particolare attenzione perché si tratta di un fattore che può aumentare il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari come l’infarto.

Sovrappeso

Il peso va tenuto sotto controllo per evitare l’insorgenza dell’infarto. Uno stile di vita più sano che includa una dieta più attenta, aiuta a prevenire l’insorgenza di patologie come l’infarto del miocardio.

Sedentarietà

Uno stile di vita sedentario e privo di adeguato movimento fisico, aumenta la probabilità di sviluppare patologie pericolose per il sistema cardiovascolare.

Fumo

Infine, il fumo è una cattiva abitudine che andrebbe interrotta il prima possibile perché provoca più facilmente ischemie cardiache e anche cerebrali.

Di Editore