Saldare consente di unire in maniera salda due parti in metallo. Puoi anche imparare da te, da autodidatta e divertirti così a realizzare ogni genere di progetto di bricolage e occupati delle piccole riparazioni domestiche.

Tra le opzioni preliminari per saldare, ricorda di indossare le giuste protezioni e impostare correttamente la tua saldatrice portatile, ora sei finalmente pronto a saldare ma per riuscirci davvero bene, ecco pronti per te ben 3 consigli.

Fissa i pezzi

Non puoi pensare di saldare correttamente se prima non fissi bene le parti che vuoi unire. Puoi usare morse e morsetti per tenere nella posizione corretta i pezzi. Se non lo fai è difficile poi mantenere gli angoli corretti e ottieni un articolo che non sta in piedi. Non riuscirai mai a ottenere una saldatura fatta bene e duratura se prima non metti nella posizione giusta i vari pezzi di metallo. Naturalmente, per farlo avrai bisogno di un ampio piano di lavoro sgombero e tenuto in ordine.

Mettiti nella posizione giusta

Dopo aver sistemato le parti da unire, non ti resta che metterti nella posizione corretta. La saldatura deve sempre essere fatta dall’alto verso il basso in senso perpendicolare rispetto a dove ti trovi. Potrebbe sembrare un consiglio poco utile ma, in realtà, moltissime persone non si rendono conto che stanno saldando in posizioni innaturali, storte, disallineate. Invece, la posizione perpendicolare è la migliore per poter avere ampio spazio di manovra e non ritrovarsi storti.

Ogni volta che devi eseguire una saldatura puoi o spostare il pezzo affinché si trovi nella posizione corretta oppure spostarti tu: dipende un po’ dalle tue preferenze a dallo spazio che hai a tua disposizione nel laboratorio del fai da te.

Esercitati

Infine, se vuoi imparare a saldare bene come un vero professionista, non devi far altro che continuare ad esercitarti. Fai delle piccole prove anche su metalli e materiali di scarto. Sperimenta con diverse tipologie di metallo ed elettrodi. Non dimenticare che anche se il metallo è lo stesso la situazione cambia quando si parla di spessore, in particolare quelli più sottili.

Di Grey